CARCERE SOLO CARCERE…

 

carcere_sovraffollato_n.jpg

Carcere solo carcere….

A questo è sottoposto chi malauguratamente si trova a dovere scontare una pena detentiva, qui poi si dovrebbe parlare anche dei detenuti in attesa di giudizio ma ci dilungheremmo troppo…e poi il garantismo si sa che vale solo per i ricchi e potenti.

Preso atto che purtroppo la società attuale non si pone neanche minimamente il problema di trovare risposte alternative al carcere , diciamo cos’è il carcere oggi ;

è il luogo del non fare nulla..dell’oziare su una branda in una stanza 3 x 4 dove sono rinchiuse tante di quelle persone che solo a turno i detenuti possono stare in piedi….

L’oziare su una branda non solo fa strame del nostro dettato costituzionale che prevede una pena “rieducativa “ , ma è anche controproducente perché sicuramente restituisce alla società un individuo peggiore di quello che era all’ingresso del carcere anche perché lo fa sentire vittima e non debitore verso quella società alla quale, forse , aveva arrecato offesa. I pochi esempi tanto sbandierati dai media di situazioni carcerarie dove il detenuto studia o lavora sono insignificanti , appunto perché talmente radi da non influire sensibilmente sulla situazione complessiva…per analizzare seriamente il fenomeno carcere bisogna sforzarsi di accantonare i ragionamenti da bar diventati slogan politici ; la tolleranza zero….inasprimento delle pene…buttiamo la chiave e di contraltare :tanto fanno pochi giorni ed escono…

Nessuno di questi slogan ha un fondamento di verità ; la tolleranza zero si applica solo verso i criminali comuni e non verso tutti,certamente non verso la casta che in carcere non ci entra e quando succede vi rimane molto poco….la mitezza delle pene è un’altra falsità basterebbe fare il raffronto con gli altri paesi europei e si vedrebbe che le pene previste dal nostro codice sono tra le più alte….buttiamo la chiave se no fanno pochi giorni ed escono è una bugia facilmente smascherabile dallo stato attuale delle carceri che stanno esplodendo causa sovraffollamento.

Non voglio fare ragionamenti che inducano alla pietà , spesso solo passeggera, ma alla logica ; che senso ha tenere un individuo chiuso in carcere per un periodo più o meno lungo senza fare nulla ..senza formarlo professionalmente e culturalmente ? non ha senso ! è un costo improduttivo per la collettività che vedrà la società restituirsi un individuo senz’altro peggiore e più disperato, che alla sua liberazione non avrà altra scelta che rientrare in quei circuiti sociali che lo hanno portato a conoscere il carcere. Spesso a questa proposta si risponde con il luogo comune che tanto in carcere ci tornerebbero uguali perché sono delinquenti…ovviamente chi si esprime in questi termini non si prende neanche minimamente la briga di leggere i dati del ministero di giustizia dove si evince che i “ delinquenti “ così detti professionali sono una minima percentuale della popolazione detenuta, mentre spesso ci si trova davanti a situazioni di marginalità sociale quando non di devianze dovute a malattie mentali o quant’altro. Fatta questa breve analisi, vi dico il mio punto di vista del perché non si vuole risolvere strutturalmente il problema carceri sovraffollate ;

ci vogliono risorse ingenti che non danno risultato nell’immediato ma che certamente verrebbero ampiamente recuperate in tempi medio lunghi con una minore recidiva dei detenuti e uno snellimento della struttura repressiva che gravita attorno al pianeta carcere….ma tutto questo non paga in termini di consensi elettorali e poi riguardando il tema carcere non proprio l’elitè della società quella ospite delle patri galere, quindi perché dedicargli tempo e risorse ? Poi non và dimenticato il clima di paura vigliaccamente creato da alcune forze politiche…un sentire sociale che mette poveri contro altri sempre più poveri e disperati tanto da distrarre “ la gente “ dalle malefatte della casta…guardate che aizzare le classi sociali più deboli contro i loro membri più disperati è una mossa schifosamente intelligente…è una vera e propria arma di distruzione di massa perché indebolisce , dividendoli , interi segmenti di società e fa sì che i ricchi e potenti continuino in maniera indisturbata a commettere una serie di ingiustizie e soprusi tali che anche la pena del carcere è da ritenersi insufficiente.

Questo sfacelo non è colpa del fato ma di una classe dirigente, che con la complicità servile dei media , ha scientificamente dato in pasto ad una popolazione ignorante e superficiale qualcuno più a sud di loro …appunto come i detenuti ….gli stranieri e i tossicodipendenti..il tutto al solo scopo di potersi fare semplicemente i fatti propri ..coniando allo scopo anche il nome di un partito politico…”PDL di farsi i c…. propri “ ai quali si aggiunge un’altra formazione politica fatta da furbetti di paese e che di duro sicuramente una cosa ce l’ha ; il cervello.

Intanto siamo a quota 24 suicidi nella carceri e il popolo che magari potrebbe soggiornarvi in questi pessimi hotel guarda calcio ed isole dei famosi…pane et circens …adesso solo circens…

 

CARCERE SOLO CARCERE…ultima modifica: 2010-05-10T08:36:28+00:00da paolopapillo
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “CARCERE SOLO CARCERE…

  1. I CARCERATI SONO L’ULTIMA DELLE MIE PREOCCUPAZIONI!

    DEL RESTO NON GLI E’ STATO ORDINATO DAL DOTTORE UN

    SOGGIORNO PIU’ O MENO LUNGO IN CARCERE!

    PROVACI CON UN ALTRO ARGOMENTO E SARAI PIU’ FORTUNATO!
    @padania libera
    ECCO L’ESEMPIO DI UN CORAGGIOSO LEGHISTA SEMPRE DURO, DI CERVELLO, CON I PIU’ DEBOLI…

  2. Ciao Paolo,
    seguo il tuo blog con quell’appassionata costanza che riservo soltanto delle cose importanti.
    Volevo segnalarti una breve comparazione, redatta da Paolo Zani, esperto previdenziale, tra il trattamento pensionistico dei parlamentari italiani e quello dei cittadini comuni. Quattro minuti di lettura per restare senza parole per ore…
    Il documento lo trovi nel mio blog “Ora D’Aria” (http://oradarialibera.blogspot.com/), cliccando in alto a destra. Spero che questo documento susciti lo stesso interesse che ho provato io. Se così fosse e volessi diffonderlo te ne sarei grato.

    giano

  3. ma il commento qui sopra di “padania” libera… è semplicemente uno scherzo di cattivo gusto??
    gia uno sche si firma “padania libera” sembra una barzelletta ma un commento cosi squallidamente grezzo ed ignorante (alle soglie del 2011) ..non riesce tanto a farmi ridere… mi fa piangere…
    “povera umanità”..
    ciao, enza

Lascia un commento