EPPUR SI TROMBA…

b ride.jpg

EPPUR SI TROMBA…

 

E chissenefrega di tutto il resto, della disperazione di milioni di italiani che non ce la fanno ad arrivare a fine mese,….non è una scena di “amici miei” e l’attività del “vostro” premier e della corte dei miracoli che gli gira in torno.

Se ne fregano anche di fare venire alla luce queste storie allucinanti ,che superano in fantasia la creatività di un qualunque sceneggiatore, SE FREGANO perché come in un crescendo hanno testato il grado di sopportazione ad ingoiare MERDA del popolo italiano…

Orge con starlette e MINISTRE vecchi bavosi pseudo giornalisti….checche cocainomani ma con le giuste entrature…

E non è uno scandalo di una metropoli by night e la vita del VOSTRO presidente del consiglio che mentre il paese affonda, nella MERDA della crisi creata dal mondo al quale LUI appartiene a pieno titolo, TROMBA e VOI FESSI IDIOTI BEOTI E ASPIRANTI INTRALLAZZATORI-GUARDONI AL MASSIMO VI FATE LE SEGHE OPPURE , SE NON SIETE DEL GIRO GIUSTO, LA PRENDETE NEL CULO …scusate i francesismi.

ECCO IL COPIA INCOLLA DELL’ARTICOLO DI D’AVANZO E COLAPRICO

NE CONSIGLIO LA LETTURA E LA DIFFUSIONE ANCHE ALLE TESTATE STRANIERE.

 

L’INCHIESTA

Ruby, le feste e il Cavaliere
“La mia verità sulle notti ad Arcore”

La minorenne marocchina fu fermata per un furto, mentre era in Questura intervenne Palazzo Chigi: “Rilasciatela, è la nipote di Mubarak”. La ragazza racconta il rituale del “bunga bunga”, esclude di aver fatto sesso con il premier. Indagati Lele Mora, Emilio Fede e Nicole Minetti

di PIERO COLAPRICO e GIUSEPPE D’AVANZO

MILANO – Alla questura di Milano, nello stanzone del “Fotosegnalamento”, c’è solo Ruby R., marocchina. Dire “solo” è un errore, perché Ruby è molto bella e non si può non guardarla. Se ne sta sulla soglia, accanto alla porta, e attende che i due agenti in camice bianco eseguano il loro lavoro, ma è come se occupasse l’intera stanza. E’ il 27 maggio di quest’anno, è passata la mezzanotte e i poliziotti hanno già fatto una prova: la luce bianca, accecante, funziona alla perfezione. La procedura è rigorosa, nei casi in cui un minorenne straniero viene trovato senza documenti: finiti gli accertamenti sull’identità, se non ha una casa o una famiglia, sarà inviato, dopo aver informato la procura dei minori, in una comunità. È quel che gli agenti si preparano a fare, perché Ruby ha diciassette anni e sei mesi (è nata l’11 novembre del 1992) e all’indirizzo che ha dato, in via V., non ha risposto nessuno. Era anche prevedibile: ci abita un’amica che, dice Ruby, è una escort e se ne sta spesso in giro. All’improvviso, il silenzio dello stanzone si rompe. Una voce si alza nel corridoio. E, alquanto trafelata, appare una funzionaria. Chiudete tutto e mandatela via!, è il suo ordine categorico. Gli agenti sono stupiti. L’altra, la funzionaria, è costretta a ripetere: basta così, la lasciamo andare, fuori c’è chi l’aspetta!

Non è che le cose vanno sempre in questo modo, in una questura. La ragazza non ha i documenti. Per di più, il computer ha sputato la sua sentenza: l’anno prima Ruby si è allontanata  –  era il maggio del 2009  –  da una casa famiglia a Messina, dove vivono i suoi. Anche il motivo per cui è finita in questura non è una bazzecola: è accusata di un furto che vale i due stipendi mensili dei poliziotti.

Le cose sono andate così. Qualche sera prima, una ragazza che ama la discoteca, Caterina P., va in un locale con due amiche. Ballano sino a tardi. Quando lasciano il “privé”, si ritrovano insieme a Ruby R. e tutt’e quattro s’arrangiano a casa di Caterina. La mattina dopo, mentre Ruby dorme come un sasso, o così sembra, le tre amiche vanno a fare colazione al bar sotto casa. Al rientro, Ruby non c’è più, e chi se ne importa. Ma mancano anche tremila euro da un cassetto e qualche gioiello. Caterina maledice se stessa. Non sa da dove sia piovuta quella ragazzina, non sa dove abita, non sa dove cercarla. Il caso l’aiuta. Il 27 maggio il sole è tramontato da un pezzo e Caterina passeggia in corso Buenos Aires, quando intravede Ruby in un centro benessere. Chiama subito il 113 e accusa la ladra. La volante Monforte è la più vicina e la centrale operativa la spedisce sul posto. Ruby viene presa e accompagnata al “Fotosegnalamento”. Con una storia come questa, ancora tutta da chiarire, come si fa a lasciarla andare?

Gli agenti lo chiedono alla funzionaria. La funzionaria scuote il capo. Dice: di sopra (dove sono gli uffici del questore) c’è il macello, Pietro Ostuni (è il capo di gabinetto) ha già chiamato un paio di volte e vedete (il telefono squilla) ancora chiama. E’ la presidenza del Consiglio da Roma. Dicono di lasciare andare subito la ragazza, pare che questa qui sia la nipote di Mubarak, non ci vogliono né fotografie, né relazioni di servizio. Tutti adesso guardano la ragazza. “E chi è Mubarak?”, chiede un agente. Il presidente egiziano, spiega con pazienza la funzionaria. Che intanto risponde all’ennesima telefonata del capo di gabinetto, per poi dire: forza ragazzi, facciamo presto, Ostuni ha detto a Palazzo Chigi che la ragazza è già stata mandata via.

continuate la lettura cliccando questo link ;

http://www.repubblica.it/politica/2010/10/28/news/davanzo_ruby-8503315/?ref=HREA-1

 

 

 

P.S ALLE SERVILI TESTE DI CAZZO CHE OBBIETTERANO COME AL SOLITO CHE QUESTO E’ GOSSIP POTETE RISPONDERE COSI’ ; “ NON E’ GOSSIP UN PRESIDENTE DEL CONSIGLIO CHE AL POSTO DI GOVERNARE PENSA A FARE ORGE E A NON FARSI PROCESSARE E VOI FESSI O IN MALA FEDE CHE LO DIFENDETE SIETE LE PRIMEVITTIME/COMPLICI DI QUESTO ANDAZZO, VERGOGNA! “

 

Dal blog ; http://informazionedalbasso.myblog.it/

EPPUR SI TROMBA…ultima modifica: 2010-10-28T08:49:00+00:00da paolopapillo
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “EPPUR SI TROMBA…

  1. grande paolo sei un grande.pero vallo un po’a spiegare al prototipo di berlusconiano convinto di solito libero professionista o imprenditore,arrogante,evasore e con il cervello grosso come una noce secca che razza di delinquenti vota.bisogna toccare il fondo per risalire non c’e altra soluzione il problema che con questa classe politica di ladri il fondo lo abbiamo toccato gia da un pezzo ora stiamo scavando.grazie paolo continua con il tuo prezioso lavoro.

  2. a me fa schifo berlusconi, ma forse ancora più di lui se questo è possibile mi fanno ribrezzo i suoi seguaci ancora più porci ipocriti puttanieri di lui perchè lo invidiano e vorrebbero essere al suo posto. è da questo atteggiamento che nascono i consensi a berlusconi.

Lascia un commento