A TRIVELLA….un pacco per la UE

tav, no tav, chiomonte, val susa, si tav, alta velocità, repressione, tangenti,

LA TRIVELLA CHE SFORACCHIERA’ QUA E LA’… PER FOTTERSI I SOLDI DELLA UE

pubblico volentieri questa nota della resistente no tav Simonetta Zandiri

 

Il set cinematografico di Kiomontistan è quasi al completo. Negli ultimi giorni, infatti, sono state installate nuove telecamere, potenti fari per illuminare e garantire la qualità delle riprese anche di notte e, per non far mancare nulla ai visitatori del non-cantiere, nuove manichette per innaffiarli d’acqua (arricchita con qualche simpatico urticante). Forse così ci daranno una mano a crescere sempre di più. A completare la scenografia che potesse regalare all’UE le immagini della più IN-CREDIBILE Truffa ad Alta Voracità questa notte alle 4 (proprio di notte, come i ladri di quel futuro che NON ci lasceremo RUBARE) è arrivata, scortata da decine di forze dell’ordine, anche la trivella, posizionata all’interno della doppia recinzione realizzata, forse, dopo il ritrovamento della temibilissima catapulta nei boschi del Clarea.
Ora le immagini del TGRegime che andrà in onda oggi probabilmente non saranno più quelle di una talpa che scava altrove, ma di una trivella posizionata inutilmente sotto i piloni dell’autostrada. Perché inutilmente? Perché quasi sicuramente, nella realizzazione dell’autostrada, sono stati fatti i carotaggi nello stesso terreno che difficilmente è “mutato” in meno di vent’anni. Dunque stanno facendo ancora una volta un lavoro inutile, che continuiamo a pagare noi, per “truffare” anche l’UE il giorno dopo che la delegazione NO TAV è stata a Bruxelles a denunciare i dettagli di questa indebita sottrazione di denaro. 
Numa, sempre attento alle evoluzioni dell’ex area archeologica di Chiomonte, ha pubblicato sul sito de La Stampa le prime foto della trivella con il titolo “Tav, al via indisturbata la fase 2 del cantiere”. Fingendo di ignorare la costante presenza, alla baita a pochi passi dal cantiere, di NO TAV vigili, attenti e presenti, come sempre pacificamente (ora proprio questa caratteristica sembra diventare un difetto, si vede che non si è divertito abbastanza). 
http://multimedia.lastampa.it/multimedia/torino/lstp/85179/

Chi può raggiungere le reti per aumentare la vigilanza lo faccia a partire da oggi, aumentiamo la presenza e l’attenzione, giorno e notte. Vi invitiamo inoltre a partecipare sempre più numerosi al presidio che ogni giorno si tiene in Piazza Castello, a Torino, dalle 18:00 e che si prepara nuovamente a diventare MOLTO, MOLTO “DINAMICO” e SORPRENDENTE!
A sarà dura, come sempre, più per loro che per noi!

 
A TRIVELLA….un pacco per la UEultima modifica: 2011-10-05T08:55:50+00:00da paolopapillo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento