LA PROTESTA CHE PIACE AL SISTEMA…

travaglio, il fatto quotidiano, caselli , no tav , proteste, gomez  

Si la protesta che piace a questi signori è quella educata, pulita che non dice parolacce..quella che in pratica non serve a nulla se non a garantire al loro conti correnti a sei zeri…Oggi si è scatenata la canea perbenista indignata per le contestazioni a Caselli, contestazioni che per inciso NON hanno comportato ne danni ne feriti, in lodi al Procuratore di Torino si sperticano i media mainstream più viscidi e fin qui’ siamo nell’ovvio, ma ” IL FATTO” da un pò di tempo ci meraviglia non tentando neanche più di nascondere la sua visione filo-governativa e fintamente critica, certo i Travaglio e i Gomez sanno che tra i loro lettori quelli INCAZZATI e di brutto verso questo regime sono in tanti davvero e allora si dividono le parti Gomez il poliziotto buono verso il governo di BANCA-MONTI e Travaglio il poliziotto cattivo verso il potere..ma oggi la menzogna è smascherata etutto il giornaletto si schiera con il sistema..;

UN AMICO MI SCRIVE QUESTO E LO CONDIVIDO IN PIENO ;

Anche oggi, cani e porci, sono scesi in campo a difendere il ben superprotetto Caselli (e dicendo superprotetto non mi riferisco alla scorta, ma alle decine di testate, televisioni e chi più ne ha più ne metta, persino Bobo e figlia, improbabile NOTAV di Sergio Staino).
Ma oltre al ricordo dei crimini della Procura di Torino (Sole e Baleno, tanto per citare i soliti) c’è una curiosità che voglio condividere con voi: oggi sono scesi in campo Napolitano, Travaglio, molti giornali e lo stesso Caselli a difendere se stesso. Cosa dicono tutti? Dicono che si può protestare ma civilmente, che vale a dire fateci lavorare in pace….voi avete solo la possibilità di dire che non siete d’accordo ma intanto noi facciamo quello che ci pare, questa è la democrazia, bellezza….
Loro continuano a fare la guerra in giro per il mondo e noi non dobbiamo protestare, vogliono costruire in Val Susa? Noi possiamo solo dire che a noi non piace, loro vanno avanti lo stesso…le ristrutturazioni con licenziamenti? Possiamo solo dire che non ci piace ma dobbiamo accettare di fare la fame…l’occupazione della Palestina ci fa schifo? Possiamo solo dire che non ci piace, ma civilmente i sionisti devono poter massacrare il popolo palestinese come e quando vogliono…quella vigliacca capo di padroni dice che siamo ladri e nullafacenti?
Dobbiamo stare zitti…insomma ci vogliono coglioni, non cittadini……
Quello che invece manca è proprio una maggiore determinazione da parte di quanti non accettano “lo stato di cose presenti” e vogliono cambiare.
Ai miei tempi si diceva: Lo stato borghese si abbatte non si cambia.
Vedete un po’ voi…..,

 e si i vari Travaglio e compagnia cantante con il sistema ci sguazzano e ci si arricchiscono pure…BERLUSCONI se era per Travaglio ed  IL FATTO stava fino alla fine dei suoi giorni la governo, visto ceh è stato il mondo della finanza a cacciarlo e non di certo quattro radicalchic..

Oggi l’editoriale di Travaglio(http://www.scribd.com/doc/82406364/Il-Fatto-Quotidiano-22-02-2012 ) è un bell’esempio di paraculismo ARANCIONE..di ma anchismo , Travaglio sà benissimo che senza la determinazione e la resistenza anche fisica di tantissimi NO TAV l’opera inutile andrebbe avanti magari rimanendo incompiuta perchè si sono fregati tutti i soldi ma tanto basterebbe a fare uno scempio ambientale senza uguali..

Il nostro Travaglio poi attacca con la manfrina di Caselli buon magistrato anti mafia, e allora? è una furbata perchè il motivo dele contestazioni non è la lotta di Caselli alla mafia…il motivo è uno solo e molto semplice ;

LA LOTTA NO TAV E’ UNA LOTTA CONTRO IL SISTEMA , VISTO CHE CASELLI IN QUEL SISTEMA VIVE E PER ESSO OPERA E’ NORMALE CHE VENGA VISTO COME AVVERSARIO.

Da tempo vado sostenendo che i Santoro  i Travaglio gli ARANCIONI e i SINISTRI E LIBERTA’ sono dei vasi di decantazione del sistema strumenti e protagonisti di quesi settori che la PROTESTA LA VOGLIONO PACIFICA E PROFUMATA in poche parole STERILE.

Allora in tanti VI dovete decidere o si è TOTALMENTE contro questa casta oppure si è con la casta…cambiare la casta dal di dentro come tanti sostengono è impossibile e più spesso un esercizio da facce di tolla oppure da poveri pavidi ed illusi .

P.S: domandatevi perchè tutti i media di regime  IL FATTO compreso hanno pressochè ignorato le contestazioni a Napolitano limitandosi a rilanciare le agenzie e non commentando con i loro editorialisti politici.. perchè sono dirompenti antisistema, ho 50 anni e non mi ricordo di contestazioni ripetute al capo dello stato .

COMPRARE I GIORNALI MAINSTREAM,TRA QUESTI POSSIAMO DA TEMPO ANCHE AGGIUNGERE  IL FATTO, SERVE SOLO AD ARRICCHIRE INUTILI PENNIVENDOLI 

LA PROTESTA CHE PIACE AL SISTEMA…ultima modifica: 2012-02-22T16:18:42+00:00da paolopapillo
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “LA PROTESTA CHE PIACE AL SISTEMA…

  1. e si i vari Travaglio e compagnia cantante con il sistema ci sguazzano e ci si arricchiscono pure…BERLUSCONI se era per Travaglio ed IL FATTO stava fino alla fine dei suoi giorni la governo, visto ceh è stato il mondo della finanza a cacciarlo e non di certo quattro radicalchic..

    °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
    a Paolooooooo MA CHE CAZZO SCRIVIIIIIIIIIIIIIIII ???????
    aripijateeeeeeeee !!!…
    è il popolo di coglioni non in grado a fare un cazzo

    GUARDA CHE DICE QUI….

    http://www.youtube.com/watch?v=11D0EYuHV4U

    E SENTI…QUA

    http://www.youtube.com/watch?v=du0ooEa1JRI&feature=player_embedded#!

    TIè E RINFRESCATE LA MEMORIA ai compagni coglioni e camerati merdacce !

    Nel sottosuolo del potere craxiano, intrighi, carriere, affari, imbrogli e Berlusconi vi partecipa alla grande.

    Tutto quanto sopra scritto è tratto dagli atti della commissione parlamentare di inchiesta sulla P2 e dall’interrogatorio di Nisticò nel processo “mani pulite”.

    Da giovane è stato un portaborse di un deputato democristiano che, al termine del rapporto lo fece lavorare presso il ministre della P.I. Flavio Carboni, sardo, frequenterà con disinvoltura monsignori in Vaticano, massoni, industriali dell’edilizia, malavitosi, ufficiali dei servizi segreti, boss mafiosi, politici, editori e banchieri.

    Tra i suoi partner politici di una certa attualità troviamo Giuseppe Pisanu, potente capo della segreteria di Zaccagnini, che poi, con volo pindarico, passerà nelle file di Forza Italia, vicepresidente dei deputati berlusconiani.

    Tra il 1972 e il 1973 Carboni acquista terreni agricoli di proprietà di Jas Gawronski (futuro deputato europeo di Forza Italia), a Olbia per una cifra irrisoria, 150 milioni. In quattro giorni il Sindaco socialista di Olbia converte i terreni da agricoli in edificabili, 45 mila metri quadri: un guadagno, per Carboni, di miliardi. Passa il tempo, Carboni fa errori su errori, rimane senza una lira per il fallimento di folli progetti consigliati da Angelo Rojch, consigliere regionale DC, poi eletto al parlamento e nessuno gli fa più credito fino al 1979 quando conosce Romano Comìncioli, stretto collaboratore di Berlusconi alla Edinord. Gli parla dei terreni, e Berlusconi gli fissa un appuntamento per metà marzo 1980, al Grand Hotel di Roma. Contano anche gli eccellenti rapporti di Carboni con massoneria, DC e comune di Olbia.

    (guardati anche il filmatino sul nick)

Lascia un commento