CUI PRODEST

bomba , strage, Brinidisi, strategia della tensione 

Certamente non possiamo essere che sconvolti per la morte della ragazza uccisa da una bomba a Brindisi,la scuola è una parte importante di tutti noi, mandare i figli a scuola vuole dire vivere la normalità quindi questo vile attentato colpisce la quotidianità di noi tutti.

Ma tralasciamo la parte emotiva o le esecrazioni dettate dal vile gesto e domandiamoci a chi giova?

Alla mafia ? ma veramente possiamo credere che un organizzazione spietatamente lucida come la mafia si esponga ad una risposta repressiva che sarà durissima? Poi perché esporsi a questo senza trarne nessun vantaggio neanche apparente o calcolato…

Quando un organizzazione criminale uccide un magistrato un poliziotto un uomo del sistema o delle istituzioni mette in conto anche la successiva repressione e le perdite che subirà ma pensa più o meno erroneamente che il gioco vale la candela ….la vittima o le vittime potevano causare con il loro operato maggiori danni all’organizzazione di quelli che può provocare l’inevitabile risposta repressiva.

Allora LUCIDAMENTE domandiamoci ;CUI PRODEST ? io non lo so ma so con certezza che davanti a questo gesto apparentemente inspiegabile la gente tende ad identificarsi con le istituzioni esistenti a non vedere le magagne presenti all’interno delle istituzioni, si invocherà l’unità nazionale, si stigmatizzerà chi continua a dire che questa casta và cacciata…se lo chiedi ti accuseranno di volere indebolire le istituzioni in un momento in cui il paese è sotto attacco terroristico mafioso e allora a chi giova forse lo intuiamo una cosa però rasenta la certezza non si fermeranno qui , crisi economica devastante e atti di terrorismo che colpiscono direttamente la popolazione faranno accettare alla gente  qualunque cose dalla sospensione delle garanzie democratiche ad una repressione militare durissima di qualunque forma di dissenso, al rinvio delle elezioni o al presentarsi al voto di schieramenti che in tempi normali avrebbero creato ripulsa e che invece in un clima di terrore potrebbero essere accettati e  votati da molti cittadini  …la strategia della tensione non è stata un invenzione giornalistica ricordiamocelo.


CUI PRODESTultima modifica: 2012-05-19T10:55:00+00:00da paolopapillo
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “CUI PRODEST

  1. Ogni attentato ha prodotto e produce benefici alla classe politica, quindi è ovvio che non c’è interesse a scoprirne le ragioni. D’altronde, il popolo si accontenta della solita farsa clericale-politica-giornalistica. A far ulteriormente rincoglionire gli italiani ci penseranno anche gli europei di calcio, simbolo e salvezza dell’unità nazionale! Evviva!

  2. Sono sconvolto dall’attentato a Brindisi davanti alla scuola.

    SECONDO ME QUESTO ATTENTATO E’ STATO IDEATO DAI TRADITORI DELLO STATO INSIEME AI MAFIOSI PER AVVERTIRE CHI DI DOVERE A DARSI DA FARE PER IMPEDIRE CHE VENGA A GALLA LA VERITA’ SULLA TRATTATIVA STATO-MAFIA.

    Saluti

    Roberto.

  3. Aggiungiamoci che la organizzazione mafiosa ha terreno solido nelle para-istituzioni (servizi segreti in primis) e quindi possibilità di concertare con ragionevole facilità azioni del genere. Voglio pensare bene, l’episodio di Brindisi è l’azione di un folle, ma a pensare male non mi viene in mente la mafia, casomai un accordo mafia para-istituzioni. Se è responsabilità di una scheggia impazzita della mafia, lo scopriremo ben presto, nei prossimi giorni troveremo i cadaveri morti-ammazzati di chi ha compiuto un gesto certamente ‘scomodo’ per mafia-sacracoronaunita-‘ndrangheta.

  4. Sono d’accordo con te. sono solito commentare che per sdoganare l’esercito in piazza (e la conseguente sospensione dei diritti civili) occorre far paventare il rischio terrorismo e fomentare la paura. si sente già dire “non esiterò a portare l’esercito a difesa della sicurezza” in attesa del consueto “è l’Europa che ce lo chiede”. Magari ci troveremo con Polizia e Carabinieri DENTRO la cabina elettorale, per verificare l’esito dei prossimi voti. E, perché no, squadre di “volontari” organizzati in ronde armate.

  5. Apprezzo molto il tuo articolo, e’ importante non arrivare a conclusioni affrettate.,Fare indagini per scoprire i responsabili e i loro mandanti.
    Chiedersi sempre a chi giova tale attentato.
    Mai arrivare a compromessi con le organizzazioni criminali.
    La democrazia e giustizia si conquista giornalmente facendo piccoli passi
    nel tragitto della legalita con perseveranza.

Lascia un commento