solidarietà ai lavoratori della SCA di Pratovecchio (AR)

Non ho scitto più di lavoro perchè anche io come tutti sono preso dall’emozione per la  tragedia del terremoto dell’Abruzzo.

 

ma purtroppo non è lasciando languire altre problematiche che cambia qualcosa….anzi si aggiunge problema a problema,allora torno ad occuparmi di lavoro,meglio dire lavoro che sta scoparendo;

 

AVVISO PER AL TOSCANA E ZONA LIMITROFE;

GRANDE CONCERTO DI SOLIDARIETA’ CON I LAVORATORI DELLA SCA DI PRATOVECCHIO (AR)

sabato 11 nell’aria contigua allo stabilimento grande concerto di solidarietà a questi lavoratori che rischiano di perdere il posto per l’ingordigia della multinazionele proprietaria.
concerto di ;NEGRITA,PIERO PELU,BANDABARDO’,ROY PACI,CASA DEL VENTO.ingresso 0€ ovviamete
contributo volontario verso i lavoratori della SCA.

partecipiamo numerosi,questa è politica ,questa è azione

maggiori informazioni su faceebook,cercare sca di pratovecchio.
http://informazionedalbasso.myblog.it/media/01/00/1214231895.mp3

solidarietà ai lavoratori della SCA di Pratovecchio (AR)ultima modifica: 2009-04-08T17:45:00+02:00da paolopapillo
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “solidarietà ai lavoratori della SCA di Pratovecchio (AR)

  1. Quello che è avvenuto con grande tempestività da parte di tutti senza se e senza ma in risposta allo strazio, all’immane disperato bisogno di aiuto delle popolazioni coinvolte nel terremoto, a cui mi associo incondizionatamente ci deve far riflettere.
    Si perché, spero che questa mia riflessione non offenda la sensibilità di tette quelle “belle persone” e Istituzioni che hanno mostrato solidarietà umana e materiale all’Abruzzo, l’abnorme, incontrollabile avanzata della disoccupazione, proprio come un devastante evento tellurico, un’onda anomala, rischia di generare conseguenze egualmente catastrofiche e dal punto di vista delle dimensioni e del territorio coinvolto anche più ampie.
    Usiamo lo stesso trasversale lodevole atteggiamento. Tutti gli uomini di buona volontà, così come recita la nota citazione cattolica, facciano quante è dato alle loro possibilità per aiutare a superare anche l’emergenza occupazione. Naturalmente lo sforzo maggiore si chiede alle categorie e fasce sociali più fortunate, che nel passato, per ragioni legittime, sono riuscite a realizzare situazioni di un certo benessere economico, ed è proprio per conservare anche quello che la nostra costituzione considera un diritto che bisogna rinunciare ad una parte di questo. Per quanti invece fosse capitato in modo meno chiaro e trasparente di disporre di possibilità economiche più o meno grandi, ebbene questo potrebbe essere il modo per iniziare un’opera in qualche modo riabilitativa, da cui partire per mettersi a posto non solo con la coscienza e regolarizzare la propria posizione contributiva e risarcitoria nei confronti dello stato e della collettività.
    Tore

Lascia un commento