IL PIU’ GRANDE PIAZZISTA DI TUTTI I TEMPI

Un bel servizio di pentole in acciaio inox, un televisore 18’’,  un massaggiatore (che può sempre servire nei momenti di solitudine),  una coperta in lana merinos e una mountain bike fiammante. La natura del piazzista è latente ma prima o poi viene fuori. Metto a disposizione le mie case per i terremotati dell’Abruzzo, gli ospiti delle tendopoli potranno andare in vacanza negli hotel della costa nei mesi estivi e poi una bella minicrociera per i ragazzi – e le ragazze?-.  Il modulo è lo stesso. La natura del piazzista è latente ma prima o poi viene fuori, solo che questa volta il presidente del consiglio (le minuscole sono volute) sta esagerando. Dal 6 aprile non si è mossa una foglia, le macerie sono a terra esattamente come erano allora, i centri storici sono off limits (proprietà dello stato), nelle tendopoli i disagi sono molteplici, dai pasti ai cessi, il decreto verrà discusso dopo le elezioni –chissà perché- e la natura del piazzista è latente ma sempre in agguato…cos’altro potrà aggiungere a quest’offerta strepitosa?  Venghino signori, venghino ! Lo spettacolo d’arte varia si fa più attraente e pressante. Chi mai ha risolto un’emergenza di questo tipo con tutta questa fantasia? Ah, gli italiani un popolo di artisti e come tali hanno scelto di avere come loro rappresentante un poliedrico artista tuttofare: pigmalione, cantante, intrattenitore, tombeur de femmes…ma la natura del piazzista è latente e prima o poi viene fuori.  Gli aquilani non vogliono andare in crociera, vogliono ricostruire le loro case, rivogliono i loro centri storici e  soprattutto hanno piene le scatole delle prese in giro di quest’omuncolo che invece di essere sommerso dalle risate spesso viene applaudito. Il compianto Pinzone, mitico barista di Poggio Picenze, diceva: chi non ha vergogna possiede il mondo e penso che non sbagliava: il piazzista non si vergogna di fronte a nulla neanche i morti fermano la sua campagna mediatica, nemmeno il dolore di chi ha perso affetti e luoghi…nulla può fermare la furia elettorale del più grande piazzista di tutti i tempi e se c’è da aumentare la posta in gioco, lui non si tira indietro. La normalizzazione di comportamenti  che in qualsiasi clinica psichiatrica verrebbero definiti patologici, il velinismo assurto a modello di comportamento delle adolescenti che da ballerine diventano ministre,  l’appiattimento dell’informazione che si conforma ai dettami  del regime sono le basi della politica del piazzista che da cantante di cover sulle navi da crociera diventa presidente del consiglio dei ministri…e a noi terremotati non ci rimane che la speranza di una bella minicrociera sul mediterraneo.

 

Stefania Pace

IL PIU’ GRANDE PIAZZISTA DI TUTTI I TEMPIultima modifica: 2009-06-04T23:54:34+02:00da paolopapillo
Reposta per primo quest’articolo

10 pensieri su “IL PIU’ GRANDE PIAZZISTA DI TUTTI I TEMPI

  1. Cara Stefania,
    sei magnifica, purtroppo hai ragione è un grande piazzista, e tutte le sue aziende collaborano al suo successo elettorale, non teme di mentire e non si rende conto di cosa dice perchè gli manca anche il buon gusto.
    Un abbraccio.
    Marina
    PS un in bocca al lupo per Paolo

  2. grazie marina, il problema è anche la valutazione del ridicolo…quando non si sa più riconoscerlo si corrono seri rischi…uno come il merda dovrebbe solo suscitare ilarità, dovrebbe essere coperto di ridicolo..una grande risata collettiva e invece è presidente del consiglio…
    un abbraccio

  3. Grandissimo video, grandissimo articolo.Grazie. Noi Aquilani abbiamo bisogno di persone come Stefania Pace. Abbiamo bisogno di voci fuori dal coro che non hanno paura di illustrare con determinazione la situazione che stiamo vivendo. La Signora Zanicchi dovrebbe rappresentare l’Italia in Europa. Questo è vergognoso. Mi domando se riesce almeno a collocare geograficamente Bruxelles.
    Anna Colasacco

  4. Stefania,
    non so se ci siamo conosciute nella nostra prima vita. Il tuo nome non mi è nuovo, ma non riesco ad associarlo ad una persona. Di vista è probabilissimo che ci conosciamo. Comunque possiamo conoscerci ora, nella seconda di vita. Vita da ultimi, ma con dignità ed orgoglio. Mi piacerebbe riuscire a coordinarci in rete fra menti pensanti e non prone. Non per un ennesimo comitato, che a mio avviso a nulla serve, ma per confrontarci e scambiarci idee. E’ così difficile mettere insieme gli Aquilani, individualisti per nascita e vocazione. Su internet non riesco a creare una rete di concittadini, non li trovo proprio. Su FB ho 1500 contatti, credo che gli Aquilani siano una decina. Pensi di potermi aiutare in questo progetto?

  5. @Miss Kappa
    mi fà molto piacere che hai deciso di frequentare il nostro blog, ho dato una lettura al tuo e vedo che hai cose molto interessanti da dire.Ti do il mio contatto skype;
    paolo papillo , al fine di fare 4 chiacchere e coordinare in rete alcuni interventi sulla situazione abruzzese.

  6. Grazie Stefania. Vado subito ad accettare l’amicizia.

    Paolo, avevo già visto il tuo blog, ma ho una connessione talmente fasulla che non sempre riesco a commentare. Stamani ci riesco, e mi sembra un miracolo.
    Purtroppo non ho skype, se hai un contatto msn puoi aggiungermi. Trovi il mio sul mio blog, sulla barra laterale, in basso.
    Un caro saluto.

Lascia un commento