POVERA ITALIA IN MANO A STA GENTE;

 

Poveri noi….

 

Non si riesce neanche a trovare le parole giuste per rispondere alle assurde affermazioni di questo essere chiamato Giovanardi, non è soltanto cinico, è incompetente e fa solo danni. Questa sarebbe la persona che dovrebbe occuparsi delle problematiche sociali causate dalla droga al massimo livello politico….Certo questo governo ormai ci stà, concedetemi il vi sta, abituando a tutto ma alcuni ancora riescono a meravigliarsi e indignarsi.

Quello che fa paura dell’attuale classe dirigente è l’insipienza e la spregiudicatezza, non si preoccupano neanche più di salvare la forma.

Altrettanto sconcerto e la pressoché inerzia della cosi detta società civile, salvo poche ed onorevoli, eccezioni praticamente scomparsa al massimo emette qualche rantolo…Solitamente sono ottimista per carattere ma la situazione è talmente grave dal punto di vista sociale e di tenuta della democrazia, che pur con tutta la buona volontà di questo mondo spiragli di luce in fondo al tunnel non se ne vedono….Dunque che fare? Lottare lottare e ancora lottare…battersi indignarsi e non mollare mai …non perché siamo degli indomiti “guerrieri” ma semplicemente non abbiamo alternativa all’opporsi al conformismo della sudditanza e alla feccia che risale il pozzo…almeno potremo dire un domani; ci abbiamo provato a fermarli…

 

p.s. vi invito ad iscrivervi e a fare iscrivere i vostri contatti alla news letter di questo blog, potrà essere utile a fare rete coordinarci su prossime iniziative.

 

POVERA ITALIA IN MANO A STA GENTE;ultima modifica: 2009-11-10T13:43:41+01:00da paolopapillo
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “POVERA ITALIA IN MANO A STA GENTE;

  1. Io rimango indignato e schifato certo. Non è possibile fare un test antidroga a soli volontari… cosa volete che ne esca come risultato, che lo 0% dei politici si droga!? E grazie se lo fanno solo i volontari!!! Deve essere obbligatorio, come lo è da qualche anno a questa parte per la maggior parte delle classi di lavoratori! Perchè cari i miei politici voi siete dei comuni lavoratori e siete su quelle poltrone non per fare i comodi vostri, ma per lavorare per noi, che siamo i vostri datori di lavoro! Un politico senza un popolo da amministrare sarebbe soltanto un misero disoccupato! Siete voi a dover avere paura di noi e non il contrario!

Lascia un commento