ATTACCO ALLA RETE, alla nostra libertà…

 

 

ATTACCO ALLA RETE;

era già tutto previsto… ;quando Maroni è uscito sorridente dalla conferenza stampa con i gestori della rete subito ho pensato; si sono messi d’accordo…in cambio della censura , dell’oscuramento dei blogger più “fastidiosi” ,gli imprenditori della rete faranno il lavoro sporco,…magari per un piatto di lenticchie condito con sgravi fiscali…..cercheranno di trasformare la rete in una depandance della tv, dove l’utente non ha possibilità di interagire…basta vedere come ha fatto il Quirinale…ha pubblicato il discorso del presidente senza dare la possibilità di commentarlo…in pratica un altro canale tv…

Ci sarà lo sceriffo della rete, la parte verrà interpretata dal garante delle comunicazioni che ad onor del vero fino ad ora non sembra avere brillato per coraggio…http://www.repubblica.it/tecnologia/2010/01/14/news/video_su_internet_stretta_del_governo_rispettare_il_diritto_d_autore-1941563/


MOBILITIAMOCI perchè questa sarà veramente la madre di tutte le battaglie e se la perdiamo davvero è finita. Ai blogger più rappresentativi chiediamo di organizzare un “SI RETE-DAY “ mi riferisco a Beppe Grillo , Piero Ricca , Daniele Martinelli, Claudio Messora e a tanti altri. Modestamente porterò il mio contributo e mi impegnerò al massimo affinchè non l’abbiano vita i moderni censori. Noi tutti dobbiamo IMPEGNARCI in prima persona e supportare i blogger sopra citati e chiunque si batterà per una rete libera da controlli, è definitivamente tramontata la prassi di delegare sempre ad altri… non sottovalutiamo la faccenda ..ne va della nostra libertà…. della nostra dignità. ZITTITA LA RETE LE POSSIBILITA’ DI CACCIARE QUESTA CASTA AL POTERE SONO PARI A ZERO…


potete contattarmi in skype o al cell. 3392244257
farò disobbedienza civile ad ogni costo….

ATTACCO ALLA RETE, alla nostra libertà…ultima modifica: 2010-01-14T17:17:21+01:00da paolopapillo
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “ATTACCO ALLA RETE, alla nostra libertà…

  1. Io coglierei l’occasione per migrare tutti i blog all’estero e chiedere asilo ai paesi civili. Sarebbe una grande mobilitazione che avrebbe una notevole eco internazionale.

    Senza contare che poi potremmo continuare a postare quello che ci pare e piace senza subire i tagli italiani.

Lascia un commento