NON RIMANIAMO INDIFFERENTI…

 

Si è proprio così per questo che l’ingiustizia trionfa…per l’indifferenza della maggior parte della gente, gli affaristi …la casta..le multinazionali sanguisughe…i furbi in genere.. l’avranno sempre vinta se non si inizia a pensare che su ognuno di noi ricade l’arroganza di questi soggetti…

Non ci vorrebbe molto a dire basta a questi moderni schiavisti.. basterebbe rendersi conto che al posto di questi lavoratori buttati in mezzo alla strada con un calcio nel culo ci potrebbe essere ognuno di noi o qualcuno che ci è caro…..queste multinazionali non conoscono altra regola che quella del profitto ed è su quella che dovremmo agire..

Iniziando a fare nomi e cognomi indicando le aziende che in spregio al rispetto dell’essere umano dall’oggi al domani licenziano gettando nella disperazione intere famiglie …tutto perché magari hanno rifatto le gare d’appalto e per risparmiare qualche € se ne fregano del disastro sociale che causano. Ed io faccio i nomi in questo caso la multinazionale delle spedizioni DHL ,guardate ilo video e leggete l’articolo (http://www.corriere.it/cronache/10_gennaio_29/dhl-protesta-operai-licenziati-via-fax_8ff2007c-0cff-11df-a99f-00144f02aabe.shtml ) dopo di chè fate un commento sul comportamento di questa azienda…

Ma non limitiamoci a questo non spediamo più merce con DHL e facciamoglielo sapere mandando mail all’ufficio stampa DHL pressoffice@dhl.com o meglio ancora chiamandoli al 02 575721 , vi costa molto questo gesto di solidarietà verso questi lavoratori? Credo proprio di no…..invece chi continuerà a servirsi di questa multinazionale delle spedizioni sarà COMPLICE di chi ha letteralmente abbandonato nella disperazione questi operai e le loro famiglie….

p.s.

Testo della mail: destinatario ; pressoffice@dhl.com

in seguito all’articolo apparso sul corriere.it (http://www.corriere.it/cronache/10_gennaio_29/dhl-protesta-operai-licenziati-via-fax_8ff2007c-0cff-11df-a99f-00144f02aabe.shtml) apprendo che la vostra azienda ha direttamente causato il licenziamento di decine di onesti lavoratori, senza minimamente curarsi del fatto che queste persone ora non possono più contare su un reddito che gli consenta di sopravvivere dignitosamente. Preso atto di questo il minimo che posso fare e non usufruire mai più dei servizi resi dalla vostra azienda e sarà mia cura invitare tutte le persone che conosco a fare altrettanto.

NON RIMANIAMO INDIFFERENTI…ultima modifica: 2010-01-31T12:49:45+01:00da paolopapillo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento