COLPO DI GRAZIA AI DIRITTI UMANI…DEI LAVORATORI .

 

marcegaglia_bonanni__angeletti_e__tremonti.jpegCOLPO DI GRAZIA AI DIRITTI UMANI…DEI LAVORATORI .

LA VICENDA FIAT-POMIGLIANO E’ DAVVERO L’ULTIMA TRINCEA DOVE DIFENDERE I DIRITTI DEI LAVORATORI.

la cordata PDL-PD-CONFINDUSTRIA-CGIL DI EPIFANIO E I COLLABORAZIONISTI DI CISL E UIL DARA’ IL COLPO DI GRAZIA AI LAVORATORI…LEGGETE QUESTO DOCUMENTO:

Marchionne, Marcegaglia, Sacconi…Il ritorno delle bestie a Pomigliano d’Arco. Altro che pubblico impiego, altro che riduzione della spesa pubblica! La svolta epocale per Sacconi e Marcegaglia è quello che si sta profilando in queste ore ed è la possibile umiliazione della Fiom.Oggi come nel ’22, oggi come a metà degli anni ’50, dal cavaliere per meriti di guerra Giovan-ni Agnelli (il fatturato Fiat esplose con i sui autocarri al fronte dell’Isonzo e del Piave), al gra-nitico Valletta che nei reparti confino neutralizzava i rossi resistenti, all’enfio Marchionne: è sempre la bestia che riemerge, appena le vacche sono un po’ meno grasse.E i corifei! Mi limito a citare, ma solo con le iniziali, DDV, che non merita di più, dal fondo di prima pagina sul Corriere della Serva di domenica 13 giugno, alcune sue sentenze sulla Fiom che “ è votata a difendere il mito del conflitto più che la massima occupazione” e per la quale (…)” i sacri confini della contrattazione sono come una trincea in cui combattere o morire”. Che fare di questo soggetto? Un calcio in culo?“Mito” il conflitto? Ma nessun attivista sindacale s’infiamma per i picchetti antelucani. “Sacri” confini della contrattazione? Termine assurdo, mai sentito, mai percepito. Gli incontri/scontri con la controparte sono con i conti alla mano: ore e i minuti tamponati, condizioni a stento re-cuperate. Sono fatica, cottimo, straordinario, riposo, qualcosa da spendere, qualcosa da spera-re: ” Che sia meglio di quanto s’è passato!”.Ore drammatiche, ma come altre volte, illuminanti, con Bonanni e Angeletti che scansano ogni istanza morale, ogni connessione etica tra lavoro e dignità della persona. Lavoro è chinare la te-sta e, solo quando si espande al massimo il saggio di profitto, stendere la mano. L’impresa è paradigma eterno, l’emancipazione è subalterna compartecipazione. Bestie, bestie con il cervello malvagio, quelli del raduno dei “giovani” leopardi confindu-striali, con tutto il contorno di sciacalli pseudo-sindacali. Ma leggetevi le clausole del diktat Fiat! Questa l’allucinante sequenza che scarichiamo dal sito della Fiom: realizzazione di 18 turni settimanali di lavoro sulle linee di montaggio; 120 ore di straordinario obbligatorio; possibilità di derogare dalla legge che garantisce pause e riposi in caso di lavoro a turno; riduzione delle pause dagli attuali 40 minuti a 30 minuti per ogni turno; possibilità di comandare lo straordinario nella mezz’ora di pausa mensa per i turnisti; sanzioni disciplinari nei confronti delle Organizzazioni sindacali che proclamano iniziative di sciopero e sanzioni nei confronti dei singoli lavoratori che vi aderiscono, fino al licenziamento; facoltà di non applicare le norme del Contratto nazionale che prevedono il pagamento della malattia a carico dell’impresa Diritti umani? Sì, di questo si “tratta”! Vorrei che in queste ore il popolo “viola”, quelli dell’Articolo 21, i radicali che si occupano di Cuba, e l’Onda se ritorna, e, tutti insieme, “Il Fatto” e il “Manifesto”, Giorgio Bocca e Furio Colombo, rossi e rosè, se ne occupassero, ne percepissero l’enormità dello scempio. Noi, nella nostra modestia, vi abbracciamo, cari compagni che tenete duro: e passiamo parola. Vincenzo SimoniPresidente Nazionale dell’Unione Inquiliniwww.unioneinquilini.it – presidente@unioneinquilini.it – 14 giugno 2010

 

COLPO DI GRAZIA AI DIRITTI UMANI…DEI LAVORATORI .ultima modifica: 2010-06-15T11:03:46+02:00da paolopapillo
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “COLPO DI GRAZIA AI DIRITTI UMANI…DEI LAVORATORI .

  1. Concordo, stiamo perdendo tutti i diritti, mentre il nano mafioso cerca di sfuggire ai processi a suo carico, mentre l’opinione pubblica è imbalsamata, ma comunque sia questo luridoi personaggio è in declino. Ho avuto modo di seguirla da Cruciani l’ultima volta mi piace come argomenta le cose, complimenti a chi fa sentire la sua voce come lei. Questo Cruciani oramai fa pena, non sà piu’ come argomentare a chi gli mette davanti le nefandezze del nano mafioso e di confindustria, un organo che erode di continuo i diritti di noi lavoratori.

Lascia un commento