TIE’! POPOLO ITALIANO…e “padano”

 


padania, Romano, ministro romano,casta, mafia, parlamento, immunità parlamentare . impunità

Siamo la casta e ancora una volta t’abbiamo fregato e il nostro compare

ministro Romano abbiamo salvato..

Caro popolo italiano noi della casta lo sappiamo che ingoi tutto, mugugni e poi dimentichi…magari grazie alla prossima Ruby o al campionato di calcio…

Caro popolo italiano NOI della casta siamo dappertutto …facciamo governo e opposizione

Facciamo confindustria e sindacati confederali. quindi tu popolino non ci preoccupi se ogni tanto ti lamenti…

Caro popolo italiano i media che noi controlliamo, quelli che, apparentemente, non controlliamo comunque con i finanziamenti li sfamiamo….quindi abbaiano un po’ poi cambiano obbiettivo e comunque di te , popolo italiano, che sei incazzato di fatto un cazzo gli è mai fregato…tant’è vero popolo italiano che quando sei in piazza arrabbiato davvero i media di governo e finta opposizione ti ignorano o ti stigmatizzano…popolo italiano ai media sei simpatico solo se fai la marcetta di protesta senza sporcare o disturbare…magari con qualche intellettuale..

CAPITOLO A PARTE PER IL POPOLO COSI DETTO PADANO ;

sperare che tu capisca ciò che è più o meno giusto è illusorio…ma piccolo artigiano VERDE ,operaio incazzato fino a diventar ramarro…te ne accorgi che chi ti aveva promesso niente tasse…terroni e stranieri fora di ball..con gli stranieri se poveri e disperati, da quei coraggiosi che siete, fate la faccia feroce con la casta terrona o no, e con i terroni sospettati di mafia se sono vostri amici fate i garantisti…e finitela con la barzelletta che il vostro ministro jazzista arresta i mafiosi perché l’unica operazione che l’ha visto interagire fattivamente con le forze dell’ordine è stato quando ha morso un polpaccio di un poliziotto…e caro padano tu sei più fesso del popolo italiano quello in gran parte ne ha pieni i coglioni della casta TUTTA mentre tu , padano, ancora credi a quel bofonchiante da Gemonio e al figlio pescato ma non più fresco ma già avariato…

POPOLO ITALIANO GIRANO VOCI CHE PERO’ SEI DAVVERO INCAZZATO E A ROMA IL 15 OTTOBRE VUOI VENIRE PER RESTARE…MI SA’ CHE A NOI DELLA CASTA CI TOCCHERA’ INVECE DI ANDARE..

                                      ————————-

 

Sono un figlio del popolo italiano e dico a questa casta di maiali che non ne possiamo più…e che a Roma il 15 ottobre saremo in tanti…figli del popolo italiano se non venite poi non piagnucolate più…ve la meritate l’offesa continua che questa classe politica vi infligge ogni giorno…

Non aspettate che sia sempre un altro ad andare per voi…

IO CI SARO’ perché comunque vada almeno ci avrò provato !

 


 


TIE’! POPOLO ITALIANO…e “padano”ultima modifica: 2011-09-28T18:39:00+02:00da paolopapillo
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “TIE’! POPOLO ITALIANO…e “padano”

  1. MI E’ PIACIUTA, L’HO COPIATA E TE LA PASSO!

    Cos’è la rete nella società?

    Uno strumento di libertà? Chissà perchè tutti i nerd, geek, programmatori che conosco(forse frequenterò un’elite sovversiva) sono concordi nel dire che sta diventando un problema sociale, chi la elogia spesso è volentieri è l’utonto medio che non conosce la differenza fra una pagina cifrata e non cifrata, che confonde il browser con la rete ecc.

    Le sparo la mia: la rete è SEMPLICEMENTE un’ulteriore mezzo di comunicazione, come lo fu radio, il cinema, la tv!

    D’innovativo ha l’interazione degli utenti!

    Ma è uno strumento sviluppato in primis per il CAPITALE che aveva bisogno di recupare tempo e spazio nel trasferimento, quindi per motivazioni economiche intrinseca al sistema!

    è uno strumento di manipolazione ideologica come la tv, anzi più subdola: con la scusa che sia un “mezzo dal basso” spesso si da adito a tutte le boiate che circolano, purtroppo a dispetto di quel che diceva Grillo e i suo fan, non è vero che in rete non puoi dire puttanate, anzi, la rete da sfoggio della peggior ignoranza, tracotanza, vigliaccherie delle persone e nelle discussioni spesso “vince” chi ha più tempo da perdere per dire l’ultima parola!

    Da quando esiste la rete SI STANNO PERDENDO TUTTI I DIRITTI CONQUISTATI SENZA DI ESSA. Questo è un fatto inequivocabile!

    La rete aumenta l’atomizzazione della società, ci rinchiude nelle nostre case, ci tiene lontano dalle piazze, dagli spazi della socialità, se non sporadici fenomeni di massa dalla durata temporanea!

    @semplicemente non è vero…sta a te scendere si o no in piazza..e comunque ti dà la possibilità di interagire..

  2. MI E’ PIACIUTA, L’HO COPIATA E TE LA PASSO!

    Cos’è la rete nella società?

    Uno strumento di libertà? Chissà perchè tutti i nerd, geek, programmatori che conosco(forse frequenterò un’elite sovversiva) sono concordi nel dire che sta diventando un problema sociale, chi la elogia spesso è volentieri è l’utonto medio che non conosce la differenza fra una pagina cifrata e non cifrata, che confonde il browser con la rete ecc.

    Le sparo la mia: la rete è SEMPLICEMENTE un’ulteriore mezzo di comunicazione, come lo fu radio, il cinema, la tv!

    D’innovativo ha l’interazione degli utenti!

    Ma è uno strumento sviluppato in primis per il CAPITALE che aveva bisogno di recupare tempo e spazio nel trasferimento, quindi per motivazioni economiche intrinseca al sistema!

    è uno strumento di manipolazione ideologica come la tv, anzi più subdola: con la scusa che sia un “mezzo dal basso” spesso si da adito a tutte le boiate che circolano, purtroppo a dispetto di quel che diceva Grillo e i suo fan, non è vero che in rete non puoi dire puttanate, anzi, la rete da sfoggio della peggior ignoranza, tracotanza, vigliaccherie delle persone e nelle discussioni spesso “vince” chi ha più tempo da perdere per dire l’ultima parola!

    Da quando esiste la rete SI STANNO PERDENDO TUTTI I DIRITTI CONQUISTATI SENZA DI ESSA. Questo è un fatto inequivocabile!

    La rete aumenta l’atomizzazione della società, ci rinchiude nelle nostre case, ci tiene lontano dalle piazze, dagli spazi della socialità, se non sporadici fenomeni di massa dalla durata temporanea!

Lascia un commento